Comune di Aragona

Torre del Salto

 La torre del Salto d’Angio’         La torre del “Salto d’Angiò”  o più semplicemente “a turri”, come viene detta in gergo popolare, si trova a 5 Km da Aragona su un banco di arenaria da cui si  domina tutta la vallata del feudo Muxaro e del fiume Platani.

Data:
19 Marzo 2009

Torre del Salto

 La torre del Salto d’Angio’

 

 

 

 

La torre del “Salto d’Angiò”  o più semplicemente “a turri”, come viene detta in gergo popolare, si trova a 5 Km da Aragona su un banco di arenaria da cui si  domina tutta la vallata del feudo Muxaro e del fiume Platani.

 

 

 

 

 

E’ inglobata in un casale costruito alla fine del XVIII sec. ed ha una forma rettangolare; si presenta con tre ordini finestrati: il primo e il terzo con finestre bifore a tutto sesto ed il secondo con monofore a sesto acuto.
La sua maestosa mole si erge al centro di tre cortili ove si affacciano le case basse ed uniformi della masseria.

 

La torre è di origine chiaramontana, anche se i pareri degli studiosi non sono del tutto concordi.

Venne edificata dai Chiaramonte nel XIV sec. e, fino al 1500, servì da baluardo difensivo dell’intero feudo, al centro del quale sorgeva.

Originariamente era a tre livelli: il primo adibito a magazzino, il secondo, costituito dal primo piano, era adibito a zona notte e il terzo livello, dato dal secondo piano, era composto da un ampio salone con il tetto a botte.

 

Dal salone attraverso una scala di legno si arrivava al terrazzo merlato. 
Nei secoli successivi la torre ha subito delle modificazioni che hanno mutato la sua struttura originaria. 

 

Nel 1799 vennero abbattuti i due piani superiori di essa e vennero realizzati quattro livelli con l’aggiunta di un ordine di monofore ad arco acuto tra le bifore dei piani superiori ed inferiori.


La torre, nonostante le trasformazioni, presenta un fascino particolare per il paesaggio incantevole e solitario in cui si trova, che proietta il visitatore in un lontano passato feudale.


Suggestivo è anche ciò che resta dell’antico mulino di Cacarodduli, adagiato su una costruzione più antica visitabile nell’omonima contrada.

 

Ultimo aggiornamento

19 Marzo 2009, 23:44

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento